Assicurazione autocarri con franchigia: conviene?

IN SINTESI – La franchigia è una somma di denaro che il guidatore è disposto a pagare di tasca propria in caso di sinistri con colpa, esonerando quindi in parte la compagnia assicurativa.

Il prezzo delle assicurazioni è uno dei temi più caldi in materia di costi di un veicolo. Per i veicoli commerciali come gli autocarri, poi, diventa fondamentale, poiché una polizza assicurativa può incidere sul bilancio aziendale.

Oltre alle classiche soluzioni per risparmiare sull’assicurazione, ce n’è una in particolare molto discussa: l’introduzione di una franchigia.

La franchigia in un’assicurazione per autocarri può effettivamente fare la differenza sul prezzo e può far risparmiare importanti somme di denaro, riducendo anche di molto il premio assicurativo.

Cosa prevede un’assicurazione autocarro con franchigia?

La franchigia è una somma di denaro che il guidatore è disposto a pagare di tasca propria in caso di sinistri con colpa, esonerando quindi in parte l’assicurazione.

A tal proposito c’è da sottolineare che le compagnie assicurative in genere offrono due modelli di polizza con franchigia le cui differenze si concretizzano nel caso in cui si è coinvolti in un sinistro con colpa e il danno causato è superiore all’importo della franchigia: alcune compagnie, infatti, chiedono che il guidatore paghi la sua parte di franchigia sempre e comunque (franchigia assoluta), mentre altre risarciscono il danno per intero, lasciando al contraente solo il pagamento di piccoli sinistri (franchigia relativa).

POLIZZA AUTOCARRO
CARATTERISTICHE E VOTO
CALCOLO PREVENTIVI
Logo Genertel
- Sospensione e riattivazione polizza
- SOS telefonico per assistenza CID
- Coperture "business continuity"
- Copertura per danni causati da attività carico e scarico

Perché NON fare un’assicurazione autocarro con franchigia

Sebbene sia un buon modo per risparmiare, la franchigia può essere un’arma a doppio taglio: se effettivamente si ha colpa in un sinistro, infatti, dovremo risarcire la parte senza colpa di tasca nostra. È importante, dunque, non sovrastimare le proprie possibilità economiche, scegliendo un importo non troppo elevato. In molti casi, infatti, basta anche una franchigia di poche centinaia di euro per risparmiare in modo consistente.

La franchigia, inoltre, potrebbe rivelarsi non conveniente se la si stipula per una polizza contro gli atti vandalici, per esempio, poiché questo tipo di danni è spesso di scarsa entità, il che significa che il guidatore sarà costretto a pagare le riparazioni quasi sempre di tasca propria senza poter effettivamente usufruire di una polizza che paga regolarmente.

Perché le assicurazioni autocarro con franchigia sono vantaggiose

Tuttavia, esistono anche dei vantaggi nell’assicurare un autocarro con franchigia, il primo dei quali è il già citato risparmio economico. Fondamentalmente il sistema della franchigia premia i conducenti virtuosi, oltre a mettere al riparo le compagnie assicurative dalle piccole frodi. Se negli ultimi anni non è stato registrato alcun sinistro, infatti, la franchigia è potenzialmente la scelta più saggia da fare, oltre a essere un incentivo per prestare più attenzione alla guida.

Sui sinistri minori e coperti dalla franchigia, inoltre, alcune compagnie assicurative applicano un punteggio di malus inferiore rispetto al solito, anche se in tal caso è possibile evitare di denunciare il sinistro alla compagnia, a meno che non si intenda accertare l’effettivo colpevole.

Conclusioni

In sostanza, l’assicurazione autocarro con franchigia è consigliata solo ai guidatori esperti e a quelli che possono permettersi di pagare un danno minore di tasca propria nell’eventualità di un sinistro.

Assicurazione autocarri con franchigia: conviene?
Vota la Guida