Polizza capofamiglia

Le polizze capofamiglia tutelano l’assicurato e il suo nucleo familiare contro piccoli incidenti che possono accadere nella vita quotidiana. Queste polizze coprono i danni a terzi nonché alle loro cose e sono particolarmente indicate per famiglie con figli piccoli a carico e animali domestici.

A cosa serve?

La famiglia è per molti di noi la cosa più importante al mondo ma è anche vero che, oltre ad essere una esauribile fonte di gioie è spesso brava anche nel darci importanti preoccupazioni di cui in qualche modo dobbiamo occuparci.Alle volte si tratta di preoccupazioni di tipo personale su cui purtroppo non c’è polizza casa che tenga, in altri casi invece le premure possono essere di ordine prettamente economico.

Quali sono? I nostri figli, i nostri congiunti, gli eventuali collaboratori domestici ed anche gli animali che vivono con noi in casa possono arrecare danni più o meno gravi alle persone ed alle cose che ci circondano. Chi risponde di questi danni? Ne risponde l’adulto responsabile se si tratta di un minore o lo stesso adulto se è lui/Lei a cagionare un danno.

Calcolo polizze capofamiglia

Ebbene, grazie ad una polizza capofamiglia è possibile mettersi a riparo dalle conseguenze economiche di tali danni; in particolare questa specifica tipologia di polizza per la casa si fa carico di rimborsare le eventuali terze parte danneggiate da azioni compiute dai componenti del nucleo famigliare e da chiunque vi afferisce.

Se il danno è cagionato da chi ha contratto al polizza allora il rimborso assicurativo sarà erogato solo se tale danno è di natura colposa. Al contrario vengono coperti anche i danni di natura dolosa quando questi vengono cagionati da altri componenti del gruppo famigliare incluso nella polizza e questa rappresenta una differenza importante con la polizza furto casa o la polizza incendio casa dove invece il rimborso è previsto solo quando è escluso qualsiasi tipo di dolosità da parte di ogni componente della famiglia.

Chi può contrarre una polizza rc famiglia

Sarebbe normale pensare che, la polizza capofamiglia, come il nome indica, possa essere stipulata solo dal capo di una famiglia, ovvero da un padre o dalla madre. In realtà non è proprio così; qualsiasi gruppo famigliare anche non riconosciuto giuridicamente può essere incluso tra i soggetti protetti da una polizza capofamiglia.

Ovviamente in questo caso in fase di stipula della polizza sarà necessario indicare i soggetti coinvolti nelle protezioni espresse, cha siano essi persone (torniamo al caso dei collaboratori domestici, dei giardinieri, delle tate e delle colf) o animali (cani, gatti etc).

Di solito i danni coperti da una polizza capofamiglia sono tutti quelli che nascono nell’ambito famigliare e quindi nei pressi della nostra abitazione. Pensiamo al caso di nostro figlio che rompe con il pallone la finestra di un vicino o a quello del nostro cane che morde un altro abitante del condominio.

In alcuni casi però le coperture di una polizza capofamiglia possono essere estese anche al di fuori dell’ambito della casa. Ad esempio è possibile che tali coperture siano attive quando la famiglia si trova in vacanza o a lavoro. Solitamente la polizza capofamiglia non copre i danni cagionati a terze parti quando ci si trova all’interno della propria autovettura. Per tali situazioni la gestione dei rimborsi a terze parti danneggiate viene tutelata dalla polizza rc auto attiva sul mezzo.

Come comportarsi in caso di sinistro

Se avete stipulato una polizza capofamiglia e vi trovate a gestire una tipologia di sinistro coperta da questo tipo di assicurazione dovete provvedere a comunicare quanto prima l’avvenuto (solitamente entro tre giorni) alla compagnia tramite una raccomandata con ricevuta di ritorno.

Va detto che anche il rispetto dei tempi di denuncia non ci assicura il rimborso da parte dell’assicurazione. Può accadere che ad esempio esempio, la polizza prevede un rimborso diretto al danneggiato e non per tramite dell’assicurato, oppure un mancato rimborso potrebbe essere la conseguenza del fatto che la compagnia ritiene che non vi sia alcuna responsabilità nel dolosa ne colposa nel danno cagionato.

Polizza capofamiglia online o tradizionale?

Abbiamo visto chi può contrarre una polizza capofamiglia, abbiamo visto quali sono le coperture offerte, quali sono le condizioni e le limitazioni, ed anche a grandi linee le procedure che portano al rimborso.

Non ci resta che vedere come acquistare una polizza capofamiglia. Ci sono delle linee guida che ci possono aiutare nel corso di questa fase delicata.
Una prima linea guida è quella della pazienza e del confronto. Non acquistate la prima polizza capofamiglia che vi capita ma cercate di comparare il maggior numero possibile di preventivi prima di procedere all’acquisto vero e proprio.

Volendo risparmiare? Se siete di quelli attenti ai prezzi allora è molto probabile che già conoscete la convenienza delle polizze casa online; ed anche quelle per il capofamiglia non fanno eccezione a questa regola.

Si tratta di polizze acquistabili via internet e gestibili sempre via internet. nessun broker, nessuna agenzia; un rapporto diretto e veloce con l’assicurazione che oltre ad essere molto pratico ci permette anche di risparmiare un bel gruzzoletto rispetto a quello che si spenderebbe stipulando una polizza tradizionale. Ovviamente che acquistiate online piuttosto che in agenzia, le coperture e le garanzie offerte dalla polizza capofamiglia rimangono le stesse.