Come aprire un conto deposito online e in filiale

Per aprire un conto deposito servono: un documento di riconoscimento, il codice fiscale e, in alcuni casi il certificato di residenza. La procedura di attivazione on line è più rapida e conveniente rispetto all’apertura in filiale.

La procedura

Ad oggi esistono due metodi principali per aprire un conto deposito. I due metodi seguono vie differenti ma, sia in termini di efficacia, sia per quello che riguarda gli eventuali costi e la sicurezza della procedura sono assolutamente similari.

Il primo metodo è quello che prevede di recarsi presso gli sportelli di una qualsiasi delle banche che offrono conti deposito ed avviare la procedura di apertura direttamente di persona. La caratteristica di questo “metodo” è che permette di aprire un conto deposito anche a chi non ha mai avuto un conto corrente e risulta quindi completamente “sconosciuto” al sistema bancario italiano.

Esiste poi un secondo metodo, che prevede di avviare la stessa procedura, con la stessa documentazione (che in seguito vedremo) ma direttamente online, ovvero senza recarsi in banca e potendo quindi disbrigare tutti i vari passi da casa.

Aprire un conto deposito online è meno sicuro di aprirne uno direttamente in banca? Assolutamente no, anzi è anche più semplice e veloce e non di rado è anche più conveniente. Infatti molto spesso le promozioni sui conti deposito online sono molto più allettanti di quelle che è possibile trovare presso le banche tradizionali.

Dopo aver richiesto l’attivazione online il richiedente dovrà inviare alla banca un bonifico “simbolico” che successivamente gli verrà accreditato. L’invio di questo bonifico è però funzionale alla banca ad effettuare il riconoscimento del cliente sfruttando le informazioni anagrafiche già precedentemente raccolte dalla banca che all’origine ha aperto il conto corrente da cui il bonifico è partito. Vale la pena ricordare che non è obbligatorio avere il conto deposito attivo presso la stessa banca in cui è acceso il conto corrente.

Apertura conti deposito online

Conto deposito
Caratteristiche
Voto
Attivazione conto
Ing Direct
conto arancio


- Vincolato a 12 mesi Tasso Lordo: 1,2 %
- Non vincolato: Tasso base 0,4 %
Che Banca!
conto deposito chebanca


- Vincolato a 3, 6, 12 mesi: Miglior Tasso : 1,8 %
- Non vincolato: Tasso base 0,5 %

Cosa controllare prima di procedere con l’attivazione?

Domanda: prima di aprire il nuovo conto avete controllato i dati principali che vi servono a capire se avete scelto il miglior conto deposito possibile oppure no? Quali sono queste informazioni?

Sono le stesse utilizzate quando si vanno a confrontare i conti correnti: tra queste informazioni ci sono parametri matematico-bancari come gli interessi, la presenza di eventuali vincoli sulle cifre depositate e l’ammontare complessivo delle spese.

Solo dopo aver effettivamente comparato e valutato questi parametri principali potrete capire se una proposta specifica è la più adatta alle vostre esigenze di risparmio ma anche alle vostre aspettative di investimento. Quando questo avviene allora sì che avrete trovato il conto giusto e potrete quindi passare alla fase di apertura.

Quali documenti servono per l’apertura?

In generale, a prescindere dal metodo che si preferisce utilizzare per aprire il nuovo conto deposito è possibile definire un set minimo di documenti da produrre alla banca in fase di apertura.

Innanzitutto ci sono quelli funzionali al riconoscimento del richiedente: in quest’ambito quello che si andrà a produrre è una copia di un documento di identità in corso di validità (carta di identità o passaporto) ed una copia del codice fiscale.

Bisognerà inoltre leggere attentamente e firmare per accettazione le condizioni contrattuali legate al conto deposito, condizioni che potrete ritrovare nel contratto cartaceo che la banca vi fornirà prima di procedere all’apertura.

Infine, non è una prassi molto diffusa ma potrebbe accadere per alcune banche ed in specifiche aree geografiche del nostro Paese, che la banca in fase di apertura del nuovo conto vi chieda anche di fornire un certificato di residenza.