Prestiti personali per i cattivi pagatori: caratteristiche e possibilità di ottenimento del prestito

Essere considerato un cattivo pagatore fino a pochi anni fa equivaleva all’impossibilità di accedere a prestiti personali e a prodotti finanziari in genere. Negli ultimi anni questa situazione è però cambiata notevolmente, come dimostra la nascita di diversi prestiti personali dedicati espressamente ai cattivi pagatori.

Chi è un cattivo pagatore?

Secondi i termini utilizzati comunemente in ambito finanziario, viene definito cattivo pagatore un soggetto che in passato non è stato in grado di far fronte ad un impegno finanziario preso, come ad esempio la restituzione di un prestito personale o di un mutuo. L’inclusione di una persona nelle banche dati dei cattivi pagatori ne condiziona la possibilità di ottenere ulteriori prestiti personali, mutui, carte di credito e altri prodotti assimilabili.

Tuttavia esistono numerosi prodotti pensati nello specifico per questa categoria di persone, come vedremo in seguito.
Oltre all’inclusione dei cattivi pagatori, le banche dati considerano anche chi al contrario è stato in grado di restituire un finanziamento secondo le modalità concordate. In questo caso la presenza tra i soggetti giudicati affidabili influisce in maniera positiva sulle possibilità di ottenimento di un finanziamento.

PRESTITO
VOTO / VANTAGGI
CALCOLO PREVENTIVO GRATIS
Agos
agos
Fino a 30.000€
SCEGLI IL FINANZIAMENTO, RICHIEDILO ORA
Signor Prestito
si prestito
Cessione Del Quinto
PER DIPENDENTI PUBBLICI E PENSIONATI
Si Prestito
si prestito
Prestiti fino a 60.000
A PICCOLE RATE - ANCHE PER CATTIVI PAGATORI
Il Tuo Prestito
si prestito
Prestiti a condizioni vantaggiose
PER DIPENDENTI PUBBLICI E PRIVATI

I cattivi pagatori con segnalazione alle banche dati

Per verificare la capacità di restituzione di un prestito personale, le società finanziarie e gli istituti di credito consultano alcune banche dati nazionali, come ad esempio le note Crif o Ctc, dalle quali è possibile conoscere la presenza di eventuali mancati pagamenti da parte di chi richiede il prestito personale, conoscere ulteriori prestiti già concessi o rifiutati e valutare quindi il profilo complessivo del richiedente.

Si tenga presente che l’iscrizione di un soggetto in queste banche dati non è però per sempre; infatti trascorso un determinato periodo di tempo, i nominativi dei cattivi pagatori vengono rimossi, a meno che nel frattempo non siano sopraggiunte ulteriori segnalazioni di mancati pagamenti o comportamenti simili. Il tempo di permanenza nelle banche dati dei cattivi pagatori è variabile, ma di norma non supera i 36 mesi.

I prestiti personali per cattivi pagatori: i prodotti dedicati

Come anticipato, la condizione di cattivo pagatore non implica l’esclusione da qualsiasi tipo di prodotto finanziario. Infatti sono numerosi i prestiti personali dedicati espressamente ai cattivi pagatori, con differenziazioni anche in base alla situazione lavorativa e reddituale dei richiedenti.

Una prima tipologia è quella dei prestiti personali per cattivi pagatori dipendenti; in questo caso la presenza di un reddito continuativo è considerata una garanzia aggiuntiva che fa propendere per l’assegnazione del finanziamento. In alcuni casi potrebbe essere consigliato un prestito con restituzione tramite cessione del quinto; con questa modalità è il datore di lavoro a restituire la rata concordata, che viene trattenuta direttamente dalla busta paga del lavoratore.
Una seconda tipologia di prestito personale riguarda i cattivi pagatori autonomi, cioè coloro che svolgono un’attività lavorativa indipendente. In questo caso la mancanza di continuità reddituale potrebbe condizionare l’ottenimento di un prestito. Di solito a questa categoria di cattivi pagatori viene richiesta la presentazione degli ultimi due documenti reddituali (ad esempio il modello Unico), per valutare le entrate effettive e la capacità di restituzione del prestito rispetto al reddito percepito.

Per i lavoratori autonomi, così come per i cattivi pagatori che non sono in possesso di una basta paga, talvolta può essere richiesta la presenza di un garante per l’erogazione del prestito. In questo caso si chiede che una persona diversa dal richiedente garantisca la possibilità di restituzione del prestito nel caso in cui il richiedente non ne sia più in grado. Di norma è richiesto che la terza persona sia in possesso di una busta paga, ma le caratteristiche richieste variano a seconda della tipologia di prestito personale richiesto.

Dalla varietà dei profili di cattivo pagatore e dalla molteplicità di prestiti personali disponibili per questa categoria di persone, si capisce come anche in questo caso il confronto tra diversi prestiti personali sia la strategia più adatta per trovare il prodotto migliore per le proprie necessità. Si consideri infine che anche per i cattivi pagatori sono disponibili moltissimi prestiti personali online, richiedibili in poco tempo e senza la necessità di recarsi presso banche o altri soggetti che erogano prestiti.