Prestiti personali senza reddito: come ottenerli facilmente

È possibile ottenere un prestito personale in assenza di reddito? Se sì, cosa è necessario fare per accedervi senza difficoltà? Scopriamolo con l’aiuto di questa guida.

Prestiti personali? Anche senza reddito

Essere in possesso di una busta paga è la condizione più semplice per l’accesso ad un prestito personale. Ciò non significa però che in assenza di un reddito non sia possibile avere un prestito. Non considereremo in questa sede coloro che non hanno una busta paga ma hanno un reddito dimostrabile, come i lavoratori autonomi o i pensionati; per gli approfondimenti su questi due profili di richiedenti, rimandiamo alla guida relativa ai prestiti senza busta paga.
Torniamo invece a parlare di prestiti senza reddito dimostrabile considerando i profili di richiedente più comune (con le possibilità di accesso al credito).

Protestati e cattivi pagatori: per le persone segnalate alle centrali rischi come profili a rischio di insolvenza, ottenere un prestito senza reddito è possibile, a patto che si possano presentare garanzie di tipo diverso. A questo scopo banche e finanziarie propongono prestiti personali dedicati, come ad esempio quelli che prevedono la presenza di un garante o la firma di cambiali a garanzia delle somme erogate.

Studenti e disoccupati: accomuniamo questi due profili perché hanno caratteristiche simili per quanto riguarda l’assenza di un reddito dimostrabile. Studenti e disoccupati hanno la possibilità di accedere ai prestiti senza reddito e garanzie, di solito grazie a convenzioni stipulate da enti locali o statali. In molti casi questo tipo di prestiti rientrano nella categoria dei prestiti fiduciari, anche se questa tipologia non è l’unica accessibile per questi profili di richiedenti.

Lavoratori con busta paga ma indebitati: in questo caso la presenza di una busta paga non è molto significativa, poiché un ulteriore prestito personale è giudicato di solito come non sostenibile da chi valuta la pratica di accesso al credito. In questi casi è possibile accedere ai prestiti senza reddito, di solito proposti per cifre che consentano di comprendere in un’unica rata il pagamento dei prestiti precedentemente stipulati (è il cosiddetto “consolidamento del debito”).

PRESTITO
VOTO / VANTAGGI
CALCOLO PREVENTIVO GRATIS
Agos
agos
Fino a 30.000€
SCEGLI IL FINANZIAMENTO, RICHIEDILO ORA
Signor Prestito
si prestito
Cessione Del Quinto
PER DIPENDENTI PUBBLICI E PENSIONATI
Si Prestito
si prestito
Prestiti fino a 60.000
A PICCOLE RATE - ANCHE PER CATTIVI PAGATORI
Il Tuo Prestito
si prestito
Prestiti a condizioni vantaggiose
PER DIPENDENTI PUBBLICI E PRIVATI

Prestiti senza reddito: alla ricerca di garanzie alternative

Spesso chi non è in possesso di una busta paga o di un reddito dimostrabile è spinto a pensare che la sua situazione reddituale non consenta di presentare garanzie. Questo è vero solo in parte, perché a titolo di garanzia possono essere presentati diversi beni, che permettono l’accesso a prestiti personali pensati appositamente per far fronte alle esigenze di chi non è in possesso di una busta paga. Una delle tipologie di prestiti senza reddito è quella dei prestiti con cambiali, di solito proposti a chi ha una situazione finanziaria pregressa compromessa. In presenza di beni immobili è possibile fornire come garanzia l’ipoteca del bene; in questo caso il prodotto specifico a cui si fa riferimento è il prestito ipotecario, così denominato proprio per la presenza di un’ipoteca.

Quelle che abbiamo appena descritto sono solo alcune delle possibilità di accesso ai prestiti personali senza reddito e garanzie, ma si tenga presente che molto spesso banche e finanziarie hanno predisposto appositi prodotti, con caratteristiche molto diverse tra loro. Per questo è sempre consigliato effettuare una ricerca approfondita (magari con l’utilizzo di un comparatore online), per trovare il prodotto finanziario che fa al caso proprio.

Prestiti personali senza reddito: attenzione ai costi

Dopo aver descritto come ottenere in prestito personale senza reddito, consideriamo un aspetto non indifferente nell’accesso al credito, cioè i costi dei prestiti personali. Non è raro infatti che ai prestiti senza garanzie e senza busta paga vengano applicati costi maggiori rispetto a prodotti analoghi destinati a lavoratori dipendenti o a chi ha un reddito dimostrabile. Rimandiamo alla guida presente nel sito per il dettaglio sulla valutazione dei tassi di interesse di un prestito. In questa sede ricordiamo però che il parametro più semplice da considerare per valutare la convenienza di un prestito è il tasso di interesse TAEG, che permette di comprendere i costi effettivi applicati al prestito personale.

Si tenga presente che molto spesso i prestiti senza busta paga, senza garanzie o destinati a specifiche categorie di richiedenti, come i cattivi pagatori o i protestati, hanno un TAEG applicato superiore rispetto a quello di un prestito con garanzie. Tuttavia anche in questi casi le differenze tra le condizioni applicate tra un prodotto e l’altro possono essere notevoli, per cui si consiglia sempre di valutare due o più prodotti diversi prima di sottoscrivere un prestito personale senza reddito (ma un discorso analogo vale per tutti i prestiti personali).